Che cos'è il cardiopalma? Al di là del fatto che sarebbe più corretto scrivere cardiopalmo, l'enciclopedia Treccani riporta “Percezione soggettiva, nota anche come palpitazione, del battito cardiaco, di solito accelerato" Mmm… mica tanto chiaro. Lo volevate davvero sapere? Avreste dovuto vivere nel paddock con MC7 Corse il finesettimana del secondo round del CIV al Mugello: allora sì che avreste vissuto il cardiopalma!

Christian Gamarino su Factory Works Aprilia RSV4 1100 Stock2 APXSole, pioggia improvvisa, pioggia intensa, di nuovo sole per poi riservare per la gara ancora pioggia e pista allagata. Con Pirelli impegnata a fornire quasi tutto il campionario di pneumatici, i sospensionisti quello di molle, meccanici ed elettronici a tenere il passo per raccordare tutto. Ed il pilota che ha girato in pista con condizioni dell'asfalto mai uguali a turni precedenti.

Partiva dalla pole position Christian Gamarino, conquistata sulla pista quasi asciutta del primo turno di qualifica, nel quale è stato capace di fermare il cronometro sul tempo di 1'51"443, staccando Andreozzi su Yamaha di 111 millesimi ed altrettanti ancora su Ruiu e la sua BMW. Mentre sulla pista bagnata del secondo turno ufficiale, disputata da pochi piloti perché le condizioni della pista non avrebbero potuto consentire miglioramenti in griglia di partenza, Christian nuovamente ha primeggiato.

Domenica la gara: pioveva, quasi diluviava, e la pioggia continua aveva inondato la pista. Christian Gamarino, novello Noè, con un'Aprilia RSV4 in configurazione arca, si trova a far salire a bordo anche quella che tecnicamente viene segnalata dai commissari di gara come Jump start ovvero una partenza anticipata, causata dalla frizione scivolata via dai guanti bagnati del pilota. E siccome sull'arca di Noè si sale a coppie, a Gamarino vengono comminati due Long Lap Penalty ovvero due passaggi all'esterno della curva del Correntaio.

Christian Gamarino su Aprilia RSV4 1100 insidiato da Eddy Lamarra su BMWFino al momento della segnalazione della penalità inflitta, Gamarino si trovava a battagliare con Eddi La Marra, Gabriele Giannini e Gabriele Ruiu per la prima posizione e nel momento di affrontare il primo dei due passaggi larghi, nel corso del quinto giro, aveva anche staccato di qualche decimo gli avversari; si accoda al terzetto di BMW e prima di affrontare il secondo LLP aveva già sorpassato La Marra per la terza posizione. Scontata la seconda ed ultima penalità chiude il sesto giro a due secondi e mezzo dalla coppia di testa, Giannini e Ruiu, passata appaiata sotto il traguardo.

Christian Gamarino in rimonta al Mugello CircuitParte una rimonta, che definire epica è come volerla sminuire. Due secondi dai primi in chiusura del settimo giro; al Correntaio del giro successivo ha già smaltito tutto lo svantaggio. In staccata all'ultima curva infila Giannini che non si da per vinto e restituisce il favore alla Casanova-Savelli. All'inizio dell'ultimo giro, in uscita dalla San Donato, Giannini apre troppo presto il gas e la moto protesta: Christian ne approfitta e lo infila in ingresso alla Luco-Poggio Secco. Resiste a Giannini alla Casanova-Savelli e passa Ruiu all'esterno nella prima curva Arrabbiata, non senza subire proteste della propria Aprilia, che scalcia in cima alla salita.

Christian Gamarino sul podio insieme a Gabriele Giannini e Gabriele RuiuRuiu al Correntaio non era proprio a posto: viene sorpassato da Giannini e così si compone l'ordine d'arrivo: Gamarino, Giannini e Ruiu. Sotto la bandiera a scacchi Christian sigla anche il giro veloce della gara con il tempo di 2'14"944. Epico.

Ecco perfettamente spiegato il cardiopalma (o cardiopalmo)!

Artcosmetics Artcosmetics
Crimat Crimat
CRS CRS
Gilardi Macchine Gilardi Macchine
Iris Blu Iris Blu
Iris Blu Iris Blu
Globus Globus
Mon-Edil Mon-Edil
Certech Certech
Piace Piace
Barboglio Barboglio
DB Impianti DB Impianti
DuePI DuePI
Lasti Gomma Lasti Gomma
Tecnodi Tecnodi
Villa dei pini Villa dei pini
Vodafone Stores Vodafone Stores
SC-Project
Sinlubit
Melotti Racing
Capit
Sinlubit
Melotti Racing